Giovedì della III settimana di Avvento “Gioia”

Giovedì della III settimana di Avvento
Luca 1,39-45
“Gioia”
Quello di oggi è un bellissimo incontro tra due donne colme di stupore e di gioia, benedicenti l’una dell’altra, riconoscenti dei doni di Dio. Elisabetta tesse le lodi di Maria e quest’ ultima è corsa a trovarla per condividere l’esperienza di chiamata e di fede che stanno vivendo. Che bello trovare qualcuno che ti capisca e con cui poter parlare a cuore aperto, raccontando dei travagli vissuti della anima, delle paure e della sorpresa, dei dubbi e delle speranze. Penso che la visitazione sia una luminosa immagine di chiesa perché parla di un dialogo di affetto, stima e dell’opera di Dio nella propria vita. Che questi giorni possano essere l’occasione di riconoscere le nostre benedizioni, quella delle presenze che ci sostengono e ci smuovono, quelle di amicizie che con affetto e stima ci hanno a cuore, la benedizione di una comunità di credenti imperfetti che cerca di donare qualche gioia e speranza al mondo, quella dei poveri che ci disturbano e ci distraggono dall’essere presi solo dal nostro io, la benedizione degli anziani che chiedono tenerezza e ascolto, la benedizione di un Padre che non smette di credere nell’umanità di ciascuno di noi, artefice silenzioso delle visitazioni che sono le benedizioni in tutte le forme possibili.