Venerdì della III settimana di Avvento “Magnifica”

Venerdì della III settimana di Avvento
Luca 1,46-55
“Magnifica”
È il grande inno di gioia di Maria che narra l’opera di Dio nella sua storia personale e in quella del popolo. La gioia è l’emozione più piacevole che proviamo, che desideriamo. Lo stato d’animo frutto di un dono, di una risposta, di un evento che tocca corde profonde del cuore, che ci stupisce perché inaspettato. Quando ci si perdona, si riprende fiducia in sé stessi o la vita ci offre nuove possibilità. Quando un genitore vede per la prima volta il proprio figlio venuto alla luce…. Nel Vangelo, perché è così nella vita, è un frutto di resurrezione in tutte le sue forme. E la memoria della gioia può accompagnarci nell’esistenza, essere quella voce sottile, ma persistente, che ci aiuta a non disperare quando la vita ci mette alla prova. Maria conoscerà la passione del Figlio, il dolore di vederlo soffrire e morire, ma chissà che il canto del Magnificat non l’abbia misteriosamente sostenuta… L’esperienza del bene diventa radici forti che impediscono che ci si sradichi anche quando il vento è impetuoso, i nostri si al bene sono le fondamenta della casa sulla roccia. Più cerchiamo di agire compiendo la volontà di Dio, quello che è il bene, più saremo capaci di pazienza e discernimento, sapremo vedere il bene nella nostra e altrui vicenda. Vegliamo per poter anche noi unirci al canto del Magnificat di Maria.